Portali abbandonati

Mi è appena capitato di cercare su Google un articolo sul Ministro più amato dagli Italiani: no, non Brunetta! non parlo dal punto di vista dei contenuti, ma da quello del contenitore; insomma, sulla mia Google toolbar era impostata la ricerca immagini, anzichè quella testuale, scrivo “Mara Carfagna” e mi appare questa pagina. Urco! Guarda che bel posteriore appare in quarta posizione, clicco e vedo che non è il sedere ministeriale legato alla mia ricerca, bensì quello della sua ex-collega Flavia Vento. L’occhio però, scusatemi, è cascato dove non dovevo: sull’url: ebbene tale immagine è ospitata niente-popò-di-meno-che (notare l’accostamento) in un sito sul turismo veneto! “Apperò…” mi son detto, vediamo cosa pubblica di bello questo portale dedicato al turismo della mia regione…

Appena aperto, il portale si presenta come “una nuova guida completa al Turismo Veneto che “sta crescendo di popolarità molto velocemente,” ed in cui “potrete trovare molte informazioni utili per il turismo nel Veneto ed un’occasione per promuovere gratuitamente la Vostra attività turistica“. La grafica non è il massimo, le news e gli eventi sono lì da un po’, il forum non è molto controllato…

Tranquilli, non siamo di fronte ad un “italia.it” veneto: infatti, nonostante appaia come primo risultato quando cerchiamo su Google “turismo veneto”, non è il sito ufficiale della Regione Veneto (il sito ufficiale è www.veneto.to). Pero, cavolo, è primo su Google!

Guardando sul Nic, si vede che è un dominio registrato su Aruba da una persona (proprietaria di un agriturismo): grande!! Tieni duro, speriamo tu possa trovare un po’ di tempo e modo per aggiornare un po’ più spesso i contenuti nel portale e tenere alto il suo page rank (spero di contribuire linkandoti con questo articolo).

ps: speriamo che dopo aver linkato foto e portale, Alfio non cancelli tutto! BUONA PASQUA 2007!! 🙂

2 pensieri su “Portali abbandonati

  1. Finalmente un bel layout, bravo. Tutto bene al lavoro?
    Scrivi dei post sul mercato di informatica locale.

  2. Ciao Cla’!
    A dire il vero si stava riprendendo: il 2007 è stato un anno dinamico in cui si sono create molte opportunità. Adesso sinceramente siamo un po’ tutti al palo, con la crisi finanziaria che comincia a farsi sentire pure qui.
    Cosa ti interessava sapere di preciso?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *